CHI SONO


Non sono i titoli che formano l'Essere, ma è l'Essere, nel vivere intensamente l'esistenza, che conferisce valore a qualsiasi atto compiuto.

Fin da piccola sono sempre stata, e lo sono tutt'ora, strettamente connessa a Madre Terra, ai suoi ritmi, alle sue emanazioni.
Ma sono anche un ponte tra Essa e il Cielo.
E' la mia missione in questa vita.


Molto tempo fa, interagendo con le persone che incontravo nella mia quotidianità, accadeva che spontanemente mi chiedessero aiuto per risolvere stati di ansia e tensione oppure consigli per la risoluzione di problematiche.
Mi prestavo alle loro richieste, utilizzando le mie "modalità di aiuto", quelle che ho sempre posseduto fin dalla nascita,  che  sono sempre state per me del tutto naturali e che preservo dal divulgare.Del resto non avrei potuto fare diversamente.
Nel corso del tempo il numero di persone che mi hanno cercato anche confidenzialmente, sono aumentate senza che me ne rendessi conto.Alcuni sono ritornati da me, altri mi hanno ringraziato, altri hanno esercitato un passaparola,ma a nessuno di loro non ho mai chiesto  se  il mio "sostegno"avesse funzionato, poiché sono convinta che qualunque risoluzione sia stata realizzata, sia derivata soltanto dal loro potere personale.Il mio contributo è stato, ed è, solo quello di ricordare lo strumento potente che ciascuno possiede: se stesso.
Di fatto sono divenuta una "Personal Problem Solver", ma a me piace definirmi, in questo campo, 
una "Spiritual Solver".
Rimango comunque una Paletnologa-Archeologa, Ricercatrice e Relatrice che continua ad esplorare l'ambito spirituale e di esistenza delle antiche culture.

Non molto tempo fa ho pensato di mettere a disposizione questa mia capacità ed ho ideato


Nature Solver
(Incontro di gruppo o individuale)
e
 Madre Terra 
(corso di gruppo)

per l'Associazione Culturale Evoluzione del Cuore 
che si occupa di formazione della Coscienza

Oltre a ciò, da sempre mi occupo di ricerca, la quale ormai, per me, non si snoda più in ambiti distinti tra scienza e spiritualità,
poiché esiste un unico campo di esplorazione dell'esistenza umana.


"Scelgo di percorrere vie senza argini ai quali aggrapparmi... argini privi di solidità, che possono
essere afferrati accettando di adeguarsi alle meschine regole di un sistema che esige un rinnegamento dell'essere; la propria capacità e la propria energia sono aborrite, poiché creerebbero repentaglio per quel sistema costituito...sistema sociale che si aggrappa agli argini di flaccida argilla. Alla resa dei conti, lo osserverò dall'altra sponda del fiume mentre si inabisserà con la stessa lentezza con la quale si è affermato...e nell'istante in cui si spegnerà il suo ultimo respiro, io ancora una volta, mi proclamerò felice di essere un individuo  una donna, alla quale il sistema morente  ha assegnato l'etichetta di follemente diversa !!!"

("Elogio alla Follia" di Elena Gennai)

diventa fan

diventa amico

Post più popolari