Lettura dei nei tra divinazione-alchimia-astrologia


Il destino si può leggere in faccia?  attraverso la lettura dei nei.... divinazione-alchimia-atrologia... un intreccio complesso.

L'arte divinatoria ha attraversato tutte le epoche umane... ed ha utilizzato ogni tipologia di "strumento" ritenuta adeguata per una sbirciatina nell'Infinito ...  

Come accade ancora oggi, anche nell'epoche antiche esistevano i ciarlatani e i veri ricercatori.... individuarli spetta a ciascuno.
Di certo l'essere umano è sempre stato terribilmente attratto dal mondo "sovrumano" e l'unico motivo è che egli stesso, innanzitutto, è sempre stato ed è un essere spirituale.

Dai primi momenti della storia delle civiltà mesopotamiche, dalle tavolette di argilla, emergono numerosissimi esempi di uso e pratiche di divinazione, che costituiscono le più vivide rappresentazioni della vita di tutti i giorni in quei tempi antichi. La divinazione scaturiva da una profonda convinzione che le cose del mondo fossero associate e si muovessero contemporaneamente; il detto "così in cielo come in terra" non era una recitazione cadenzata ma la constatazione evidente di una associazione universale:
« le manifestazioni nel cielo così come quelle sulla terra ci danno segni
cielo e terra, ambedue mandano segni univoci
ognuno per proprio conto, ma non indipendentemente, perché cielo e terra sono interconnessi
un segno cattivo in cielo è anche cattivo in terra
un segno cattivo in terra è anche cattivo in cielo! »
(tavoletta di una scuola teologica a Babilonia)

Ma si può risalire ancora più indietro nel tempo, ancor prima dei Sumeri....  a molti millenni fa....   La divinazione o mantica è la pratica o la presunta capacità di ottenere informazioni, ritenute inaccessibili, da fonti soprannaturali.

Una forma particolare era ed è ancora oggi la lettura destinica attraverso i nei del volto, che si intrecciano con l'esoterismo alchemico, l'astrologia.

Nevomanzia e Nevologia  ...indietro nel tempo...

In Europa la divinazione attraverso i nei (Nevomanzia) ha avuto una storia importante. Fiorì nel Rinascimento, la cui prima traccia ufficiale possiamo trovare negli scritti di Girolamo Cardano amico di Leonardo da Vinci, ( il suo postumo Metoscopia libris tredecim, et octingentis faciei humanae eiconibus complexa pubblicato in latino a Parigi nel 1658, il cui allievo Ciro Spontoni pubblicò a Venezia nel 1626, in volgare e con deliziose illustrazioni, il libretto La metoposcopia, ovvero commensurazione delle linee della fronte).
Nel 1603 Giovan Battista della Porta
scarica pdf del testoBiblioteca digitale Museo G.Galilei Firenze
nell'opera 
Coelestis physiognomonia, tratta ancora di nei e segni che compaiono sul volto, ma — forse per paura dell'Inquisizione, che lo premeva molto da vicino — elimina dalla sua opera ogni legame con la divinazione del futuro, combattendo influssi astrologici e magici. Da quel momento la divinazione attraverso i nei perse d'interesse diventando un giochino per adolescenti. Ad eccezione della fine del Settecento, quando furoreggiò la moda della mouche, il neo posticcio di taffetà nero da applicare sul viso a seconda di un codice di seduzione di cui scrive nel 1862 Edmond de Goncourt: «a forma di cuore, di luna, di cometa, di mezzaluna, di stella, di navetta, [...] posate, secondo le regole, l'assassina all'angolo dell'occhio, la maestosa sulla fronte, la giocosa sulla piccola piega provocata dal sorriso, la galante nel mezzo della guancia, e la coquette, chiamata anche la preziosa e la furbetta, proprio vicino alle labbra» fu una moda furiosa, si arrivò a portare delle mouchedi velluto «grandi come piccoli impiastri di farmacia. E si vide persino un giorno sulla tempia della splendida madame Gazes una siffatta mouche tutta contornata di diamanti».


(Di notevole interesse, sull'argomento,anche i testi antichi/manoscritti seguenti, scaricabili online in pdf dalla Biblioteca digitale del Museo Galileo Galilei di Firenze, Dipartimento di Filosofia Univ. Milano:)


 scarica pdf G.Della Porta
  scarica pdf G.Cardano


   scarica pdf G.Della Porta






I Cabbalisti medievali e gli Alchimisti ritenevano che i nei fossero segni divini. Ma è tra il Cinquecento e il Seicento che il legame tra nei e astrologia (Nevologia) conosce il suo apice di popolarita' con le teorie di Girolamo Cardano( 1501-1576)che associava la terra al cielo e il corpo alle sue parti cioe' alle stelle, ai pianeti, allo zodiaco. I nei, situati nelle varie parti del corpo assimilavano il simbolismo astrologico dei 12 segni:

I nei e la personalità
Secondo questa teoria associatoria i nei ( quelli veri) posizionati sulla parte del corpo simbolicamente abbinata ad un segno tendono ad infondere al soggetto le caratteristiche di tale segno: un neo sulla fronte ad esempio infonde le caratteristiche dell' Ariete: impulsivita' 


coraggio, grinta; sulla gola e sul collo abbiamo le influenze del Toro come golosita', sensualita', pazienza e paura dei cambiamenti. Sulle mani, le braccia e le spalle, collegate ai Gemelli, apportano intelligenza, dinamismo, acume negli affari. I nei sul seno e sul busto, associate al Cancro, donano dolcezza, simbatia e suscettibilita'. Sul dorso, collegato al Leone, orgoglio e autoritarismo; sul ventre, Vergine, segnalano precisione, igenismo, puntualita' e senso del dovere. Sui fianchi e natiche, Bilancia, seduzione, socievolezza e senso estetico. Sul pube, Scorpione, sensualita', carisma e carattere vendicativo. Su anche e cosce (Sagittario) idealista ed attrazione per i luoghi lontani; sulle ginocchia (Capricorno) indica freddezza e ambizione. Sui polpacci (Acquario) indipendenza, originalita' e spirito collaborativo ed infine sui piedi (Pesci) indicano spiritualita', fantasia e mancanza di senso pratico.
I nei e il futuro
Oltre al carattere la posizione dei nei indica anche il futuro; quelli sulla fronte predicono prosperità, sulla mano talento e successo, sull’orecchio fortuna. 
Anche le virtù sono rappresentate dai nei. Così l’onesta è per i nei sull’occhio o sul naso, i falsi hanno un neo sul dito, le persone semplici e laboriose hanno un neo sul polso. Quelle simpatiche sulle ginocchia ma chi ha nei sulle labbra che è ambizioso e vuole primeggiare e chi sul capezzolo ambisce a primeggiare. 
  

La Nevologia cerca di capire se ci sono delle relazioni tra nei e persona pensando che servano a darci delle informazioni utili sugli altri ed il futuro. Tali studi erano letti ed utilizzati nelle relazioni sociali ma anche per elaborare un semplice linguaggio che si serviva di finti per indicare una volontà e non uno stato del carattere. 


Sintetizzando:

LA POSIZIONE 

FRONTE: carattere collerico, impulsivo ma dotato di molto coraggio. 

PALPEBRA DESTRA: sensibilità, sencerità, moderazione. 

PALPEBRA SINISTRA: suscettibilità, orgoglio. 

TEMPIA SINISTRA: ostinazione. prese di posizione talvolta errate, spese sconsiderate. 

TEMPIA DESTRA: successo, capacità di far emergere le proprie doti. 

SOPRACCIGLIA: matrimonio felice, serenità, costanza negli affetti. 

ORECCHIO DESTRO: fama, notorietà, ricchezza. 

ORECCHIO SINISTRO: avarizia, incapacità di mostrare il proprio talento. 

GUANCIA SINISTRA: temperamento attivo, studioso, impegnato ma malinconico. 

GUANCIA DESTRA: successo e felicità duraturi. 

A SINISTRA DEL NASO: imprevedibilità, incostanza. 

A DESTRA DEL NASO: amore per la vita semplice, all’ aria aperta, amore per i viaggi. 

SULLA PUNTA DEL NASO: sincerità, lealtà, immediatezza. 

LABBRA: sensualità, orgoglio, avidità. 

MENTO: senso pratico, concretezza nella vita e negli affari. 

GOLA (DX): fortuna, estro, temperamento artistico 

GOLA (SX): sensualità, golosità, senso pratico. 

FIANCHI: sessualità vivace, carattere impavido, coraggioso. 

NATICHE: malizia, sensualità, tendenza a qualche bugia di troppo. 

INGUINE: benessere economico, abbondanza, salute delicata. 

COSCIA DESTRA: vantaggi economici, matrimonio felice e duraturo. 

COSCIA SINISTRA: gelosia, passionalità eccessiva, irresponsabilità. 

ZONA CENTRALE DEL PETTO: instabilità emotiva, pigrizia, tendenza ai litigi familiari. 

LATO SINISTRO DEL PETTO: temperamento pigro ed indolente. 

LATO DESTRO DEL PETTO: carattere vulcanico, audace, attivo. 

CAPEZZOLO: infedeltà, volubilità. 

OMBELICO: molta fortuna. 

ADDOME (SX): gelosia, grande avidità. 

ADDOME (DX): puntualità, laboriosità. 



IL COLORE 

MARRONE CHIARO: fortuna in costante ma lenta ascesa. 

ROSSICCIO: successi rapidi e inaspettati, colpi di fulmine, fortune insperate. 

NERO: difficoltà, delusioni e contrattempi. 



LA FORMA 

TONDO E REGOLARE: temperamento dolce e tranquillo, arrendevolezza. 

IRREGOLARE: carattere lunatico, ostinato. 

OVALE: scarsa fortuna, fatiche per raggiungere l’ obbiettivo. 

OBLUNGO: benessere economico ma freddezza di cuore. 

PROMINENTE: successo straordinario


ed oggi....

Per i taiwanesi la divinazione e in particolare il Feng shui sono una parte fondamentale della loro vita: in base ai responsi ottenuti decidono la data del matrimonio, del parto, del trasferimento, e del funerale, i programmi di lavoro e la posizione dei mobili di casa. 


E la divinazione attraverso i nei, detta in Italia nevomanzia, è molto diffusa nell'isola. C’è un vicolo della divinazione dove si possono sperimentare varie forme di manzia, dall'onnipresente Feng shui, al calendario solare con Ying e Yang, dalla fisiognomonia, alla chiromanzia, fino alla divinazione del riso in cui l'oracolo prende i chicchi di riso fra le dita per tre volte e poi predice secondo la quantità e la disposizione dei chicchi. Affidarsi alla divinazione per indovinare il futuro, o per capire le tendenze del presente, è cosa molto comune in Oriente, con tecniche e preferenze diverse da paese a paese, ma nell'isola di Taiwan sembra esserci un'offerta veramente impressionante di divinazione. 

Di sicuro quella attraverso la forma e la disposizione dei nei è fra le più popolari. Si distingue prima di tutto tra nei «buoni» e nei «cattivi». Per esempio, un neo buono dovrebbe essere nero come la pece e con una forma rotonda e netta, di aspetto liscio. Al contrario un neo cattivo potrebbe essere di colore chiaro, dai contorni irregolari e senza lucentezza. Un neo con un diametro approssimativamente maggiore di cinque millimetri è segno senza dubbio di una forte predominanza della caratteristica indicata. 

Principalmente si predicono il carattere e il destino basandosi sul volto, seguendo cinque «organi» principali (occhi, sopraccigli, naso, bocca, orecchi) e dividendo in base a questi il viso in dodici parti come nella tabella a fine testo. 

Secondo la nevomanzia di Taiwan, potrebbe sembrare che i nei siano presenti fin dalla nascita ma in realtà è facile anche che nascano in seguito, da cause acquisite. Se necessario, conoscendone la causa, si può evitare di aumentare i nei, che ne sono l'effetto. Togliere un neo significa anche cancellare una parte del proprio corpo ed eliminare anche il destino e la parte di personalità ad esso collegati. In ogni caso, con tipico spirito commerciale cinese, è in vendita anche una crema speciale per eliminare i nei che danno cattivi presagi subito dopo averne ottenuto la predizione. 
In Oriente le ricerche sulla divinazione basata sui nei si sono sviluppate fin dall'antichità, come specializzazione della fisiognomonia, in uso da secoli. 


SIGNIFICATO DEI NEI E LORO POSIZIONE
SECONDO LA NEVOMANZIA DI TAIPEI

 

 

Fronte
 centro: pieno di vitalità
 destra : buona fortuna (e si presenta spesso un buon partito)
 sinistra : vanità e prodigalità


Sopraccigli
 tra i sopraccigli : ostinazione e coraggio, buona salute

 sopracciglia destra : spirito d’osservazione e buon gusto
 sopracciglia sinistra : inclinazione per la scrittura
 dentro i sopraccigli: diligenza e fermezza


Occhi
 angolo dell’occhio destro : serenità, saper consolare

 angolo dell’occhio sinistro : essere lunatico e fascino diabolico
 capo dell’occhio : farsi prendere in giro dall’altro sesso
 globo dell’occhio : essere molto attivo per amore e sesso


Orecchi
 lobo dell’orecchio : aver fortuna con il denaro
 orecchio destro : portare fidanzato e consorte verso successo
 orecchio sinistro : aver fascino sessuale
 interno dell’orecchio : essere popolare e favorito dall’altro sesso


Naso
 intorno la narice : essere amato da varie persone
 punta del naso : essere molto attivo nel sesso

 accanto al naso : aver fortuna con il denaro e con il gioco d’azzardo

Guancia
 guancia destra : differenza tra aspetto esteriore e interiorità
 guancia sinistra : diligenza e fermezza


Bocca
 labbro superiore : provocante per tipo favorito

 labbro inferiore : buongustaio e amante dell'abbondanza

Mascella
 in mezzo alla mascella : difficoltà economiche in gioventù
 mascella destra : essere influenzato dai giovani
 mascella sinistra : grande talento che matura senza fretta




Riferimenti bibliografici
Testi antichi e collegamenti link ricavati da:

  • Biblioteca digitale Museo G.Galilei di Firenze
  • Dipartimento di Filosofia Univ.di Milano

Alcune parti di questo articolo sono tratte da:
-Rivista online "Il Ridotto di Venezia"
-Diario di una ragazza indaco di Michela Marini 

diventa fan

diventa amico

Post più popolari